Temi e protagonisti della filosofia

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 8

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 8

Lug 19

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 7   8. Se quindi è l’intellezione [il pensiero è intellezione] di ciò ch’è in lei, quello, ovvero ciò ch’è in lei, sarà l’eidos [la forma]; e questa è l’idea. Che è quindi questo? Anche l’entità [la sostanza] intellettuale è intelletto, ciascuna idea non...

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 7

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 7

Lug 12

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 6   7. Le scienze stabili dunque sono nell’anima logica [razionale]; le une che s’occupano dei sensibili ‒ ammesso che per questi sia legittimo parlare di scienze stabili, siccome ad esse s’addice il nome di opinione ‒ per il fatto di essere posteriori alle cose sono...

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 6

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 6

Lug 09

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 5   6. L’intelletto, dunque, sia gli essenti, ovvero non avendoli tutti in se steso come in un luogo, tutt’altro: avendoli come se stesso ed essendo uno con essi. Dunque tutte le cose son assieme [7] là e nondimeno discrete. Giacché anche l’anima, nonostante abbia più scienze...

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 5

Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 5

Lug 05

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 9 [5: Sull’intelletto e le idee e l’essente], 4   5. Occorre dunque assumere l’intelletto, se per davvero osserviamo il vero significato di questo nome, non quello in potenza né quello passato dall’insipienza all’intelligenza ‒ sennò ne ricercheremo ancora un altro prima di esso ‒, tutt’altro: quello...

Plotino, Enneade V 6 [24: Sul fatto che quel ch’è al di là dell’essente non pensa e che cos’è il primariamente pensante e che cosa il secondariamente], 6

Plotino, Enneade V 6 [24: Sul fatto che quel ch’è al di là dell’essente non pensa e che cos’è il primariamente pensante e che cosa il secondariamente], 6

Giu 14

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 6 [24: Sul fatto che quel ch’è al di là dell’essente non pensa e che cos’è il primariamente pensante e che cosa il secondariamente], 5   6. Se dunque questi ragionamenti son argomentati rettamente, allora il bene non adibirà alcuno spazio, qualunque sia, al pensiero; infatti il bene deve essere altro dal...