Temi e protagonisti della filosofia

Frammenti sulla bellezza attribuiti a Plutarco da Giovanni Stobeo

Frammenti sulla bellezza attribuiti a Plutarco da Giovanni Stobeo

Apr 03

[Stob. 4,21,12] Di Plutarco, a supporto della bellezza:Ecco, e con ciò? La natura degli umani non è un tutto sintetico articolato in corpo fisico e psiche? O uno solo dei due ci basta? Com’è possibile che sia così, dunque? Ecco, questo, il corpo, non vi sarebbe senza la tutela della psiche, mentre la psiche non vi sarebbe se non avesse questo, che la trattiene insieme a sé. Che...

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 16

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 16

Mag 10

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 15   16. Se dunque qualcuno non porrà il virtuoso qui, elevandolo in questo intelletto, e conducendolo invece in basso, verso le casualità, paventerà che anche queste si generino per lui, e non lo custodirà virtuoso come esigiamo che sia, tutt’altro: lo renderà un uomo ovvio, e, dandogli un misto di |5|...

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 14

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 14

Mag 03

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 13   14. Ordunque, che l’uomo, ed al meglio il virtuoso, non sia il composto d’ambedue [di anima e corpo] [33], lo prova sia la separazione dal corpo sia il disprezzo dei cosiddetti beni del corpo. Dunque il pensare che la felicità sia tanta quanto è il vivente |5| è ridicolo, giacché la felicità è vita...

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 13

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 13

Apr 30

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 12   13. Neppure le sue attività, ordunque, possono esser impedite dai casi, tutt’altro: possono alterarsi casomai si generino casi alterati; tutte sempre belle, e forse tanto più belle quanto più pertinenti a circostanze perturbatrici. Comunque tra le attività conformi alla contemplazione quelle...

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 5

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 5

Mar 22

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 4   5. Che [15] dire dunque dei dolori e delle malattie e di quel che vieta interamente d’agire? Se, ordunque, non si fosse neppure coscienti? Ciò, infatti, potrebbe generarsi per effetto sia di farmaci sia d’alcune malattie. Come, dunque, nell’insieme di questi casi, potrebbero aversi il vivere bene e la...