Temi e protagonisti della filosofia

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 5

Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 5

Mar 22

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 4 [46: Sulla felicità], 4   5. Che [15] dire dunque dei dolori e delle malattie e di quel che vieta interamente d’agire? Se, ordunque, non si fosse neppure coscienti? Ciò, infatti, potrebbe generarsi per effetto sia di farmaci sia d’alcune malattie. Come, dunque, nell’insieme di questi casi, potrebbero aversi il vivere bene e la...

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 8

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 8

Mar 01

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 7   8. Qual è quindi il modo? Quale il meccanismo [27]? Come si contemplerà una bellezza ingestibile [28] rimanente come nell’interno del santuario e non procedente verso l’uscita affinché la veda anche qualunque profano? Vada dunque e prosegua verso l’interno colui che può, lasciando all’esterno la...

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 2

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 2

Gen 29

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 1   2. Ebbene, riprendendo da capo argomentiamo per prima cosa che cos’è il bello nei corpi. È, ecco, qualcosa che diviene percepibile al primo colpo, e l’anima, come per comprensione soggettiva, ne ha intelligenza e, riconoscendolo, l’accoglie e quasi l’armonizza con sé. |5| Accostatasi invece al brutto, si...

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 8

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 8

Gen 22

    Brano precedente: Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 7   8. Se bisogna anche osare argomentare più chiaramente il proprio parere contro l’opinione degli altri, neppure la nostra anima è tutta immersa, ma nell’intelligibile v’è sempre qualcosa di essa; comunque, se la parte nel sensibile domina (o meglio, se è dominata e turbata), |5|...

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 5

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 5

Gen 11

    Brano precedente: Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 4   5. Allora non dissonano l’uno dall’altro la semina nel divenire e la discesa per la perfezione del tutto, la pena e la spelonca, la necessità e la volontarietà ‒ perché la necessità ha in sé la volontarietà ‒ e l’essere in un corpo, in quel ch’è cattivo; né la fuga...