Temi e protagonisti della filosofia

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 6

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 6

Feb 22

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 5   6. Ecco che dunque, come argomenta l’antico discorso [16], la temperanza ed il coraggio ed ogni virtù sono purificazione; anche la saggezza stessa. Perciò anche le iniziazioni rettamente alludono per enigmi al fatto che il non purificato anche nell’Ade giacerà nel fango, [5] giacché quello che non è puro ha...

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 5

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 5

Feb 15

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 4   5. Ordunque, si deve domandare agli amatori anche di quelle non pertinenti all’insieme della sensibilità: che affezione provate per le cosiddette belle occupazioni ed i bei modi d’esser e le consuetudini temperanti ed in generale le opere di virtù, le disposizioni e la bellezza delle anime [10]? |5| E vedendo...

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 4

Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 4

Feb 08

    Brano precedente: Plotino, Enneade I 6 [1: Sul bello], 3   4. Per quanto riguarda, dunque, le bellezze più preminenti, che non tocca più alla sensibilità guardare, ma che l’anima guarda e giudica senza organi, si deve contemplarle rivenendo su, lasciando che la sensibilità permanga in basso. Come, per quanto riguarda gli oggetti belli della sensibilità, non è possibile...

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 8

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 8

Gen 22

    Brano precedente: Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 7   8. Se bisogna anche osare argomentare più chiaramente il proprio parere contro l’opinione degli altri, neppure la nostra anima è tutta immersa, ma nell’intelligibile v’è sempre qualcosa di essa; comunque, se la parte nel sensibile domina (o meglio, se è dominata e turbata), |5|...

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 7

Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 7

Gen 18

    Brano precedente: Plotino, Enneade IV 8 [6: Sulla discesa dell’anima nei corpi], 6   7. Essendo dunque duplice questa natura, intelligibile e sensibile, benché sia meglio per l’anima essere nell’intelligibile, avendo tale natura, ecco, deve necessariamente poter partecipare anche del sensibile e non arrabbiarsi con se stessa se |5| non è in ogni aspetto qual che...