Temi e protagonisti della filosofia

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 9

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 9

Mar 21

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 8   9. La psiche [: l’anima] quindi, come sembra, ovvero la parte più divina della psiche [: dell’anima], deve visionarla colui che si propone d’esser avveduto su [: di conoscere] che cos’è il nous [: l’intelletto]. Questo potrebbe generarsi forse anche per...

Dalla Pace di Whitehead all’Armonia di Ariosto

Dalla Pace di Whitehead all’Armonia di Ariosto

Mar 15

    Quello che mi propongo di fare in questo contributo è un esercizio di scrittura con testo a fronte. Da una parte vi sarà il testo del filosofo Alfred North Whitehead Pace [1]; un breve e intenso saggio che conclude il suo volume Avventure di idee. A fronte vi sarà il poema di Ludovico Ariosto Orlando furioso [2]. Due testi, dunque, non solo posti a secoli di distanza, ma anche...

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 8

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 8

Mar 14

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 7   8. Il nous [: l’intelletto], or dunque, che qualità guarda nell’intelligibile, e che qualità in se stesso? Beh, non si deve cercare l’intelligibile come il colore o lo schema occorrenti sui corpi; siccome, prima che queste cose siano, vi sono quelle; anche...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (26)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (26)

Mar 10

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (25)   26. Deleuze: le tre sintesi del tempo in Differenza e ripetizione   […] il nemico si agita, insinuato ovunque nel cosmo platonico, la differenza resiste al suo gioco, Eraclito e i sofisti fanno un chiasso infernale […]. [88] Eraclito fa troppo rumore! Troppo...

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 7

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 7

Mar 07

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 6   7. «D’altronde contempla teoreticamente il dio», potremmo evocare. Ma se qualcuno concorderà coll’assemblea degli argomentatori sulla lettura che egli conosce il dio, anche per questa via sarà necessitato a concedere che conosce anche se stesso. E...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (25)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (25)

Mar 04

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (24)   25. Deleuze e Nietzsche: eterno ritorno e differenza in sé   Se tutte le cose che sono diventassero fumo, le narici le riconoscerebbero come distinte l’una dall’altra. [80] Nietzsche si sbaglia quando nel Crepuscolo degli idoli afferma che Eraclito commette un...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (24)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (24)

Mar 03

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (23)   24. Deleuze: Kronos ed Aiôn   In ognuno di questi autori di cui ho deciso di parlare, ad eccezione forse di Nietzsche, ci si trova sempre di fronte a due concezioni del tempo: il tempo oggettivo e il tempo soggettivo, il tempo scientifico e la durata reale, il tempo cosmico...

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 6

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 6

Feb 28

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 5   6. Ordunque, questo ragionamento ha indicato che il pensare in senso proprio se stesso è qualcosa. [L’intelligenza] pensa quindi altrimenti essendo occorrente nella psiche [: nell’anima], occorrendo invece nel nous [: nell’intelletto] [pensa in senso]...

Antropologia filosofica novecentesca. Uno sguardo preliminare

Antropologia filosofica novecentesca. Uno sguardo preliminare

Feb 24

  INTRODUZIONE Un celebre verso di Friedrich Hölderlin recita così: «ma là dove c’è il pericolo, cresce anche ciò che salva» (in tedesco, wo aber Gefahr ist, waechst das Rettende auch). Il pericolo è ciò che allarma e mette in guardia; irrompe furiosamente spezzando una certa armonia. Genera tensione, turbamento, caos. È energia caotica, forza che dis-ordina. Esso altera...

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 5

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 5

Feb 21

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 4   5. Forse quindi guarda un’altra [: una diversa] parte di sé con un’altra [: una diversa] parte di se stesso? D’altronde in questo modo questo sarà guardante, mentre quest’altro guardato; questo dunque non è «pensare se stesso». E che quindi, se il tutto...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (23)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (23)

Feb 18

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (22)   23. Eraclito in Deleuze: il divenire folle   La Logica del senso di Gilles Deleuze comincia con la serie “Sul puro divenire”. L’oggetto è il divenire “puro”; la Logica del senso è la logica del divenire. Essa è fondata su paradossi, al...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (22)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (22)

Feb 17

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (21)   22. Deleuze e Husserl: la fenomenologia dell’evento a) EVENTO COME ATTRIBUTO NOEMATICO La logica del senso è completamente ispirata da empirismo; ma appunto c’è soltanto l’empirismo che sappia superare le dimensioni sperimentali del visibile senza cadere nelle...

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 4

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 4

Feb 14

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 3   4. Regniamo dunque anche noi, allorché ci conformiamo a lui; il conformarsi a lui, dunque, è duplice, o come per mezzo d’iscrizioni scritte in noi come leggi, o perché in qualche modo ne siam riempiti oppure possiamo vederlo e sentirlo presente. Dunque conosciamo...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (21)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (21)

Feb 11

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (20)   21. Heidegger e Bergson: il tema della morte   E dentro di noi è presente un’identica cosa: vivente e morto, e lo sveglio e il dormiente, e giovane e vecchio: difatti queste cose, una volta rovesciate, sono quelle, e quelle dal canto loro, una volta rovesciate, sono...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (20)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (20)

Feb 10

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (19)   20. Heidegger: lezioni su Eraclito   Heidegger tiene due corsi su Eraclito, uno nel 1943 e l’altro nel 1944. Il primo corso ricerca l’origine del pensiero greco rivolgendosi ad Eraclito in quanto filosofo pre-metafisico e pensatore dell’Essere. La seconda...

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 3

Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 3

Feb 07

    Brano precedente: Plotino, Enneade V 3 [49: Sulle ipostasi conoscitrici e su quel ch’è al di là], 2   3. La sensibilità difatti ha visto un umano e ne ha dato il tipo alla dianoia [: l’impronta al pensiero discorsivo]; questa [: il pensiero discorsivo] dunque che professa? Beh, non verbalizza ancora alcunché, ma ha conosciuto ed è rimasta ristante; a meno che,...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (19)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (19)

Feb 04

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (18)   19. Heidegger: Essere e tempo   Heidegger scrive Essere e tempo dedicandolo al suo maestro Edmund Husserl. Essere e tempo è un libro di fenomenologia, come lo stesso Heidegger dichiara. La fenomenologia per Heidegger non è tanto un movimento, quanto piuttosto un metodo. Il...

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (18)

Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (18)

Feb 03

    Articolo precedente: Nietzsche, Bergson, Husserl, Heidegger, Deleuze: sul divenire eracliteo (17)   18. Heidegger e Husserl: sulla fenomenologia   Heidegger è il quarto protagonista della presente ricerca. Questa sezione fa da tramite tra quelle su Husserl e quelle su Heidegger. Essa riguarda il rapporto tra i due autori in quanto entrambi filosofi fenomenologi, ma dai...