Temi e protagonisti della filosofia

Frammenti morali di Democrito (1)

Frammenti morali di Democrito (1)

Lug 24

[ad#Ret Big]

Agli uomini è consono [harmodion] far conto [logon poieisthai] dell’anima [psychēs] più che del corpo [sōmatos]. Infatti, mentre la perfezione [teleotēs] dell’anima corregge la sgangheratezza della baracca [skēneos mochthēriēn orthoi], la forza [ischys] della baracca senza il ragionamento [aneu logismou] non pone alcunché di migliore [ouden ti ameinō tithēsin] nell’anima.

Colui che sceglie i beni dell’anima [ta psychēs agatha] sceglie le cose più divine [ta theiotera aireetai]; colui che invece sceglie quelli della baracca sceglie le cose umane [ta anthrōpēia].

È bello [kalon] fermare chi commette ingiustizia [ton adikeonta]; ma se non ci si riesce, è bello non commettere ingiustizia con lui [xynadikeein].

Bisogna o essere [einai] buono [agathon] o imitare [mimeisthai] chi è buono.

Gli uomini non divengon felici [eudaimonousin] né grazie agli schiavi né grazie ai soldi [chrēmasin], ma grazie alla rettitudine [orthosynēi] ed all’avvedutezza [polyphrosynēi].

Astenersi dai peccati [apechesthai hamartēmatōn] non per paura [dia phobon] ma per il dovere [dia to deon].

Il riflettere [phronein] su ciò che si deve fare nelle complicazioni [en xymphorēisi] è una gran cosa.

Il ravvedimento dalle azioni vergognose è la salvezza della vita [metameleia ep’aischrousin ergmasi biou sōtēriē].

Bisogna parlar veracemente [alēthomytheein] quando preferibile.

Chi compie ingiustizia è più infelice di chi la subisce [ho adikōn tou adikoumenou kakodaimonesteros].

Magnanimità è il sopportare mitemente l’errore [megalospsychyē to pherein praeōs plēmmeleian].

È decoroso sottomettersi alla legge, a chi comanda e a chi è più sapiente [nomōi kai archonti kai tōi sophōterōi eikein kosmion].

L’uomo buono non fa conto degl’indegni che lo biasimano [mōmeomenōn phlaurōn].

È gravoso essere governati da un inferiore [chalepon archesthai hypo chereionos].

Chi soccombe totalmente ai soldi non può affatto essere giusto.

L’argomentazione [logos] spesso diventa più forte dell’oro nel persuadere [es peithō].

Fatica a vanvera [mataioponei] chi vuol far ragionare [ho noutheteōn] chi ritiene di aver ragione [noun echein].

Molti non istruiti nella razionalità vivono con razionalità [polloi logon mē mathontes zōsi kata logon].

Molti compiendo le azioni più vergognose allestiscono argomenti ottimi [polloi drōntes ta aischista logous aristous askeousin].

Gli stolti se sfortunati rinsaviscono [hoi axynetoi dystycheontes sōphroneousi].

Bisogna essere zelanti [zēleein] verso le opere e le azioni di virtù [erga kai prēxias aretēs], non verso i discorsi [logous] (sulla virtù).

Conoscono e bramano le cose belle coloro che sono connaturati ad esse [ta kala gnōrizousi kai zēlousin hoi euphyees pros auta].

La nobiltà [eugeneia] degli armenti è la vigoria del fisico [hē tou skēneos systheneia]; invece quella degli uomini è la buona disposizione del carattere [hē tou ētheos eutropiē].

Le speranze di coloro che pensano cose rette sono raggiungibili; invece quelle degli stolti sono impossibili [helpides hai tōn ortha phroneontōn ephiktai, hai de tōn axynetōn adynatoi].

Non si può raggiungere né arte [technē] né sapienza [sophiē] qualora uno non apprenda [mathēi].

Meglio scoprire [elenchein] i peccati propri [oikēia] che quelli estranei.


Ti è piaciuto il post? Dona a Filosofia Blog!

Cliccando sul pulsante qui sotto puoi donare a Filosofia Blog una piccola cifra, anche solo 2 euro, pagando in modo sicuro e senza commissioni. Così facendo contribuirai a mantenere i costi vivi di Filosofia Blog. Il servizio di donazioni si appoggia sul circuito il più diffuso e sicuro metodo di pagamento online, usato da più di 150 milioni di persone. Per poter effettuare la donazione non è necessario avere un account Paypal, basta avere una qualsiasi carta di credito o Postepay. Grazie!

2 comments

  1. Stefano

    Giulio, non conosco il greco, ma ho notato che hai tradotto “logos” in modi diversi: talvolta con “argomentazione”, talaltra con “razionalità” e “discorso”. Sarei curioso di conoscere la ragione di queste tue scelte. Grazie!

  2. Giulio Giacometti

    Stefano, “logos” significa “legame” (stessa radice indoeuropea) in tutti i sensi pensabili e anche in pratiche di vita a noi non più accessibili. Nonostante quest’abbondanza, l’idea di base è che qualsiasi legame, qualsiasi unità tra un molteplice, per resistere deve seguire regole (o sono io che sono kantiano?). Ecco allora che il discorso è un legame comprensibile, sensato, tra parole; un discorso che lega anche gli altri al pensiero di chi lo performa è argomentato; quando si crea una comunità legata da discussioni argomentate, circola razionalità. La razionalità è propria di più individui che però sentono di avere perlomeno un’esigenza di condividere discorsi argomentati: è il legame su cui i greci speravano di fondare la convivenza tra gli esseri umani. Così con filosofiablog anche tu e io stiamo facendo qualcosa di grande!

Leave a Reply to Stefano