Temi e protagonisti della filosofia

Diogene Laerzio su Melisso (IX, 24)

Diogene Laerzio su Melisso (IX, 24)

Ott 17

 

Brano precedente: Diogene Laerzio su Parmenide (IX, 21-23)

 

24 Melisso d’Itigene era samio. Questi udì le lezioni di Parmenide; peraltro intrattenne eziandio rapporti con Eraclito; in questa circostanza, dunque, fece conoscere quest’ultimo agli Efesini che lo ignoravano, così come per parte sua Ippocrate fece conoscere Democrito agli Abderiti. Fu eziandio uomo politico e fu degno d’approvazione da parte dei concittadini; fu scelto quindi come navarco e fu ammirato ancor di più per il suo valore.

Per la sua dottrina il tutto è infinito, inalterabile, immobile e singolo, uguale a se stesso e pieno; non vi sarebbe, dunque, movimento, ma sembrerebbe soltanto che vi sia. D’altronde per quanto concerne gli dei non legittimava alcuna dichiarazione, siccome non vi sarebbe conoscenza di costoro.

Apollodoro, poi, professa che costui raggiunse l’acme nella ottantaquattresima Olimpiade.

 

La traduzione è condotta sul testo dell’edizione critica di Marcovich:
Diogenes Laertius, Vitae philosophorum, ed. D. Marcovich, Lipsiae 1999.

 

Brano seguente: Diogene Laerzio su Zenone di Elea (IX, 25-29)

 

 


Ti è piaciuto il post? Dona a Filosofia Blog!

Cliccando sul pulsante qui sotto puoi donare a Filosofia Blog una piccola cifra, anche solo 2 euro, pagando in modo sicuro e senza commissioni. Così facendo contribuirai a mantenere i costi vivi di Filosofia Blog. Il servizio di donazioni si appoggia sul circuito il più diffuso e sicuro metodo di pagamento online, usato da più di 150 milioni di persone. Per poter effettuare la donazione non è necessario avere un account Paypal, basta avere una qualsiasi carta di credito o Postepay. Grazie!

Leave a Reply