Temi e protagonisti della filosofia

Diogene Laerzio su Periandro (I, 94-100)

Diogene Laerzio su Periandro (I, 94-100)

Ago 21

Brano precedente: Diogene Laerzio su Cleobulo (I, 89-93) 94 Periandro di Cipselo, corinzio, discendeva dalla genia degli Eraclidi. Costui sposò Lisida, che egli chiamava Melissa, figlia di Procle tiranno di Epidauro e di Eristeneia figlia di Aristocrate e sorella di Aristomede, i quali occupavano da signori quasi tutta l’Arcadia, come afferma Eraclide Pontico nel libro Sul...

Diogene Laerzio su Clitomaco (IV, 67)

Diogene Laerzio su Clitomaco (IV, 67)

Ago 14

Brano precedente: Diogene Laerzio su Carneade (IV, 62-66) 67 Clitomaco era cartaginese. Questi si chiamava Asdrubale e filosofava col suo idioma, in patria. Recatosi, dunque, ad Atene quando aveva ormai quarant’anni, ascoltò le dissertazioni di Carneade; ed ecco che quello, giacché gli andava a genio il suo amore per il lavoro, gli fece imparare le lettere e simultaneamente...

Diogene Laerzio su Carneade (IV, 62-66)

Diogene Laerzio su Carneade (IV, 62-66)

Ago 07

Brano precedente: Diogene Laerzio su Lacide (IV, 59-61) 62 Carneade di Epicome o di Filocomo (come preferisce Alessandro nelle Successioni dei diadochi dei filosofi) era cireneo. Costui, dopo aver letto con molta solerzia i libri degli stoici, e con moltissima quelli di Crisippo, avanzò opportunamente obiezioni ad essi e le presentò tanto elettamente che citava anche quel noto...

Diogene Laerzio su Lacide (IV, 59-61)

Diogene Laerzio su Lacide (IV, 59-61)

Lug 31

59 Lacide di Alessandro, cireneo. Questi è colui che costituì la nuova Accademia e succedette come diadoco ad Arcesilao. Era un uomo estremamente dignitoso ed ebbe non pochi emuli; era cultore della fatica sin da giovane e povero, comunque era amabile e di buona compagnia. Asseriscono anche che costui, per quanto riguarda l’economia, avesse un contegno avarissimo, giacché, ogni...

Diogene Laerzio su Eschine (II, 60-64)

Diogene Laerzio su Eschine (II, 60-64)

Lug 24

60 Eschine, figlio del salsicciaio Carino (per altri, invece, di Lisania), era ateniese. Sin da giovane stimò la fatica; anche per questo non si distanziò da Socrate. Perciò quest’ultimo asserì: «Sa onorarci soltanto il figlio del salsicciaio». Idomeneo afferma che fu costui, non già Critone, a consigliato a Socrate, in carcere, di perseguire la fuga; Platone, da parte sua, per il...